Pensioni, Esteso l'obbligo di iscrizione alla previdenza agricola

Vota questo articolo
(0 Voti)

L'Inps spiega che ai fini dell’inquadramento contributivo, è l’attività in concreto svolta dal lavoratore a prescindere dalla qualifica di assunzione o dall’inquadramento del datore di lavoro.

Anche l'aratura, la semina, la potatura, la rimozione delle vite infette, il taglio di formazione per le fasi di imboschimento è un'attività agricola. E pertanto anche le imprese non agricole che svolgono tali attività, devono assicurare come lavoratori agricoli gli operai addetti a tali attività. Lo rende noto l'Inps, tra l'altro, nella Circolare numero 56/2020, facendo un parziale dietrofront rispetto alle indicazioni fornite lo scorso anno nella circolare n. 94/2019. Le precisazioni interessano quelle imprese che, pur non rivestendo, per la natura dell’attività economica esercitata, la qualifica di imprese agricole, assumono alle proprie dipendenze lavoratori che, agli effetti delle norme di previdenza e assistenza, sono assicurati come lavoratori agricoli dipendenti.

Letto 339 volte
Ultima modifica il 27 Aprile 2020

I nostri contatti

Patronato INPAL

Via Torino 95 - 00184 Roma RM

Telefono: +39 06 48907481

Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

Privacy Policy Cookie Policy

Area Riservata